Digital marketing: il nuovo consumatore post pandemia

Tra i principali trend generati dalla pandemia,senza dubbio risulta evidente il crescente utilizzo del digital marketing nella quotidianità delle di consumatori e imprese.

Con lo scoppio della pandemia, si è senza dubbio velocizzato il processo di digitalizzazione di imprese e consumatori. Infatti, proprio grazie a questo cambiamento innovativo, nuove strategie di comunicazione e strumenti innovativi hanno avuto modo di svilupparsi. Ma non solo, in particolar modo, è cambiato anche la tipologia di consumatore a cui si rivolge l’azienda.

Il consumatore del 2021

Una delle certezze è senza dubbio che il consumatore abbia cambiato il proprio approccio. Quindi, risulta evidente che se il brand non sia cosciente di questo cambio di orientamento, gli sarà difficile se non impossibile creare una comunicazione efficace con il proprio ventaglio utenti.
Ecco quindi che uno dei ruoli chiavi del panorama creato dal digital marketing è la centralità di una comunicazione affidabile e trasparente da parte del brand. Infatti, il cliente deve sentire di potersi fidare del prodotto/servizio che andrà ad usufruire. In altri termini: mentre in passato il consumatore poneva attenzione quasi esclusivamente al prezzo del prodotto/servizio, oggi non si può più applicare questa nozione. Ci riferiamo quindi ad un marketing ti tipo consumer-oriented fortemente digitalizzato.

Inoltre, proprio come viene spiegato nel sondaggio condotto da Impact, il trust gioca un ruolo ancora più chiave e centrale nel mercato odierno, dove ci si riferisce a shopping experience più che ad un acquisto fine a sè stesso. Proprio per questo motivo, le modalità di acquisto, il pagamento e quindi la customer journey che dovrà percorrere il consumatore, dovranno essere quanto più ottimizzati e funzionare in modo semplice ed intuitivo.

Il ruolo irrinunciabile del digital marketing

Se da un lato le esigenze del consumatore sono cambiate, dall’altro anche gli strumenti impiegati dall’azienda lo sono. Infatti, ciò di cui non può più fare a meno è senza dubbio il digitale, aspetto sul quale tutte le aziende dovrebbero integrarsi. Proprio per questa ragione, non si tratta semplicemente di un “in più” bensì di un elemento ormai irrinunciabile per poter raggiungere quanti più clienti e al contempo rimanere competitivi sul mercato. Si parla quindi di un processo di digitalizzazione in corso di svolgimento. Il marketing tradizionale e quello digitale devono essere quanto più integrati, in modo da poter dare un’effettiva valorizzazione dei dati, asset principale del marketing digitale.

L’importanza della Machine Learning

Al contempo, risulta indispensabile strutturare un’automazione quando più puntuale. Infatti, come riportato nel sondaggio di The CMO Survey di febbraio 2021, negli USA quasi il 43% dei marketer è cosciente dell’importanza dell’infrastruttura back-end. Un notevole passo avanti se si pensi che a giugno dell’anno precedente solamente il 25% era del medesimo avviso.

Leggi anche...
Le Fonti TV - Marketing
Imprese d'Eccellenza
Non sono state trovate imprese
Le Fonti Awards 2021
Non sono state trovate riviste
Libro D’Oro 2020
Non sono state trovate riviste
Non sono state trovate riviste
Rimani aggiornato
I più recenti
ChatGPT per la SEO, come scrivere articoli ottimizzati con l’intelligenza artificiale
Network marketing, cos’è e perché sta crescendo
Come cambia il marketing in tempo di crisi?
Brand e marketing relazionale, strategie per il successo

ACCESSO NEGATO

Newsletter

Iscriviti ora per rimanere aggiornato su tutti i temi inerenti l’ambito marketing.